Analisi Pushover: parte V

Esempio applicativo

A titolo di esempio si riporta di seguito un esempio applicativo, mostrandone i passi fondamentali. L’intero esempio è disponibile in streaming in un video raggiungibile al seguente indirizzo: https://attendee.gotowebinar.com/register/1805958119717218050

Mentre i modelli di calcolo ed il materiale corrispondente possono essere scaricati dal seguente link: http://www.leonardobandini.it/download/webinar/webinar_29_06_16.zip

Il modello è stato realizzato sia in ETABS che in SAP2000, per ulteriori informazioni, richiesta di materiale, si prega di contattare l’autore: leonardo@csi-italia.eu

Si ricorda che la lista completa dei video seminari presenti in streaming può essere raggiunta al seguente indirizzo: http://www.csi-italia.eu/video-seminari/

 

L’esempio scelta riguarda una struttura multipiano in c.a., con sistema sismo resistente ottenuto dalla collaborazione tra telai e setti di controventamento. In una direzione prevale il comportamento a telaio (longitudinale) nell’altra direzione invece pur mantenendo una collaborazione tra telaio e pareti, prevale l’effetto irrigidente delle pareti.  Presenta una forma irregolare in pianta, ma un comportamento dinamico regolare.

Figura 34: vista d’insieme del modello FEM

Figura 35: pareti di controventamento in c.a.

La struttura è pensata come una struttura esistente, ma la trattazione non segue particolari differenze nel caso di una ex-novo. Per la realizzazione del modello (passo-passo) e per la caratterizzazione dei materiali ed elementi si rimanda alla registrazione video citata.

Le cerniere plastiche sono state definite ed assegnate a livello automatico, cerniere di tipo M3 per travi e cerniere PM2M3 per le colonne.

Figura 36: visione delle cerniere plastiche inserite

Mentre le pareti in c.a. sono state modellate utilizzando shell layered/non lineari utilizzando il wizard integrato in SAP2000 o ETABS.

Per un commento completo sul modello e sui risultati si rimanda al video seminario indicato.

Figura 37: curva di capacità ed applicazione del metodo N2

 

 

 

Indietro Prosegui